domenica 28 febbraio 2016

Mercati - aggiornamento marzo 2016

Mercato azionario italiano
Nonostante la pesante discesa dei primi due mesi dell'anno ed un pessimismo ai massimi livelli, l'ipotesi di scenario in base al quale il mercato si muoverebbe in una fase correttiva di un trend rialzista di lungo termine, è ancora in piedi e lo sarà fino a che sussisteranno determinate condizioni prezzo/tempo.

Ftsemib index semestrale

Il livello di supporto più importante dell'anno è già stato raggiunto e riconosciuto dal mercato che ha reagito prontamente  al test dell'angolo C del grafico semestrale, coincidente con lo stesso angolo di supporto nel grafico trimestrale che segue.

Ftsemib index trimestrale

Lo scenario descritto a fine dicembre prevedeva una correzione di diversi mesi che avrebbe potuto culminare nel secondo semestre del 2016 e il fatto che gli obiettivi massimi consentiti siano già stati raggiunti con una velocità inattesa,  è sicuramente un fattore di rischio che rende non trascurabile la probabilità che l'angolo di supporto possa essere rotto al ribasso.
Può trattarsi tuttavia di un caso di anticipazione del prezzo rispetto al tempo come spesso accade in caso di forti accelerazioni ed in questa ipotesi, anche in caso di rimbalzo, l'angolo di supporto potrebbe essere testato nuovamente nel corso dell'estate a conclusione del ciclo correttivo.

Al momento tuttavia sembra difficile ipotizzare che un supporto di tale importanza venga rotto al ribasso senza prima una buona reazione che sia visibile almeno sull'intervallo mensile, ma occorre essere consapevoli che i livelli raggiunti sono estremi ed una chiusura di trimestre al di sotto deli rispettivi livelli di supporto indicati nel grafico, pregiudicherebbe lo scenario rialzista di lungo termine aprendo la strada verso nuovi importanti ribassi verso il target successivo a 13300 e, nell'ipotesi peggiore fino a 8400. 


Ftsemib Index monthly

Il grafico mensile più volte proposto e che è stato di grande aiuto per tutto il 2015 nel delimitare la resistenza dinamica dell'angolo verde sui tre picchi di massimo, mostra che l'angolo successivo a quello rosso ascendente dal 2012 che ha definito tutto il rialzo, è stato raggiunto e mantenuto in chiusura di mese dopo un iniziale sforamento.
La confluenza dei due angoli che si incrociano a 16700 rende il supporto sufficientemente forte per favorire una reazione del mercato.
L'attesa reazione è confermata anche dal grafico mensile del contratto future che segue, in cui si riscontra un doppio setup di minimo nel mese di febbraio.


Ftsemib future mensile

A conferma di quanto sopra, il grafico mostra che il ribasso ha riempito tutto lo spazio tra l'angolo ascendente dal 2012 ed il suo successivo a 16300 in una situazione di equilibrio prezzo/tempo.
Il setup di minimo di febbraio potrà essere soddisfatto già nel mese di marzo sopra 18800 oppure in aprile al si sopra dell'eventuale barra inside di marzo.
Va comunque tenuto in considerazione che un'eventuale chiusura di marzo al di sotto di 16400  o di aprile sotto 16550, aprirebbe la strada verso l'angolo successivo in area 13800.

Conclusioni
La situazione resta estremamente delicata data la vicinanza agli ultimi supporti ammissibili già toccati in febbraio e considerano la vulnerabilità del contesto globale, ma esistono le condizioni per un'aspettativa di tenuta/rialzo fino a marzo/aprile.
Pur in caso di rimbalzo sarà però possibile il ritorno verso gli angoli di supporto nel corso dell'estate e, se reggeranno i livelli chiave, potrebbero crearsi le condizioni per la ripresa di lungo termine.
E' comunque opportuno il costante monitoraggio dell'evoluzione di mercato sugli intervalli più brevi al fine di anticipare eventuali cambiamenti di scenario.


Indice Ftse Banche italiane

Anche l'indice delle banche italiane ha attivato di minimo un periodo di setup che decorre dal 5/2 e terminerà il 9/3.
La probabilità di buon esito del setup sarà tanto più alta quanto più il settore si discosterà dal minimo di 9340 o comunque se al 9/3 l'indice chiuderà al di sopra di 10800.
Resistenze di breve si collocano a 11200 e 12500 mentre il supporto a 9450.

Mercato azionario europeo
Indice Eurostoxx 600

L'indice Eurostoxx 600 risulta ben più ordinato e preciso rispetto l'Eurostoxx 50 ed è evidente l'importanza del supporto angolare raggiunto esattamente a 302 e ora salito a 305 che, in caso di cedimento, segnerebbe la rottura di tutto il trend ascendente dal 2009.
Ora l'indice è già in prossimità delle prime resistenze tra 330 e 340 che se superate potrebbero favorire il raggiungimento degli angoli successivi a 360-370 in funzione del tempo in cui verrebbero raggiunti.
Se gli angoli di supporto e resistenza saranno raggiunti nei periodi di setup indicati nel grafico,  si creeranno punti di equilibrio prezzo/tempo che saranno indicativi di un'inversione.

Mercato azionario americano
Indice S&P 500

Il supporto fondamentale a 1820 ha bloccato il ribasso per ben due volte tra gennaio e febbraio dando luogo ad una buona reazione come se il mercato avesse percepito l'importanza fondamentale di quel supporto chiave fornito dall'angolo ascendente che ha definito tutto il trend di rialzo dal minimo del 2009.
Nel mese di marzo l'angolo passa da 1830 di inizio mese a 1850 a fine mese e resta valida la considerazione che una sua eventuale rottura confermata potrebbe avere ripercussioni estremamente gravi.
Le resistenze più vicine si collocano a 1960 e a 2020 mentre a livello di tempo si segnala un periodo di setup piuttosto importante tra il 17/3 e il 4/4.


Petrolio WTI mensile
Per finire uno sguardo al petrolio perchè sembra giunto in prossimità di livelli interessanti.

Dalla rottura dell'angolo passante a 100 dollari nel novembre del 2014 (contratto rettificato), il petrolio ha mantenuto una velocità costante di discesa, restando sempre al di sotto dell'angolo ripido discendente dal massimo di giugno 2014.
I tempi potrebbero ora essere maturi per una stabilizzazione del prezzo nell'area delimitata tra 26 e 28 dollari in cui confluiscono importanti angoli di supporto che potrebbero favorire una ripresa verso i livelli di resistenza indicati nel grafico.
Nell'ipotesi descritta potremmo assistere ad una stabilizzazione dei mercati emergenti e ad una attenuazione del rischio globale sui mercati azionari.

Buon inizio di mese.




Si ricorda che tutte le analisi presentate in questa sede, sono oggetto di aggiornamento periodico su base settimanale, giornaliera ed intraday ad uso esclusivo degli abbonati al servizio offerto su Twitter , inquadrabile in un programma formativo.
Per ogni informazione al riguardo scrivere a gannforecasting@gmail.com
Chi fosse invece interessato alla frequenza di corsi individuali o di gruppo potrà consultare il calendario aggiornato dei corsi nella pagina dedicata.




N.B. le indicazioni fornite non hanno alcun fine di suggerimento o sollecitazione al trading, bensì il solo scopo di far conoscere le peculiarità della metodologia di Gann

14 commenti:

  1. Grazie Fabio, volevo fare un osservazione sul petrolio, qualche giorno fa ho fatto reverse dal wti al brent ho notato che quando scende lo fa in modo più lieve mentre reagisce meglio sul rialzo c'è da dire inoltre che le situazioni di contango sono minori sul brent, e infine c'è sempre stato uno spread anche di 10 dollari a favore del brent quindi va da se che quando il wti inizierà a galoppare per bene il brent lo farà di conseguenza e, anzi lo farà meglio ( almeno fino ad ora è stato così ) confermi anche tu la mia visione? Grazie Vincenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo
      Ti confermo che dal minimo di gennaio il Brent sta sovraperformando il wti, sembra quindi più reattivo al rialzo.

      Elimina
    2. Grazie per la risposta

      Elimina
  2. Grazie Fabio sempre prezioso

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Dottore, un consiglio, ho posizioni aperte su levmib da 19500 di indice che mi trascino da inizio anno.
    Secondo Lei, conviene mantenerle aperte oppure chiuderle vista la poca forza avuta dal nostro indice nella settimana appena trascorsa.
    Grazie
    Giorgio

    RispondiElimina
  4. Salve Giorgio
    nel breve termine lo strumento si trova in uno stretto range angolare ben preciso e andrebbe monitorato day by day perché gli angoli offrono livelli dinamici.
    Posso comunque dirle che dal 14/3 è sotto un angolo di resistenza che lunedì 21/3 passa a 6.94, sopra il quale potrebbe estendere la salita.
    Il trend di rialzo invece è definito da un angolo che passa a 6.50 valido in chiusura daily, mentre il successivo è in area 5,80.
    Data la vicinanza al supporto, il consiglio potrebbe essere quello di mantenere la posizione salvo chiusura daily sotto 6,50 (il livello sale fino a 6.70 venerdì).
    Se necessita di abbonamenti periodici ed intraday potrà valutare il servizio in abbonamento scrivendo a gannforecasting@gmail.com
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, in effetti sto valutano un abbonamento con lei.
      Grazie
      Giorgio

      Elimina
  5. Gentile Fabio , il rialzo del S&P 500 ad Oggi 29/03 ha veramente del portentoso !! e se fossimo davanti ad un nuovo impulso rialzista di lungo ??....il DAX che sembra aver creato un T&S Rialzista e da giorni stiamo giocando con la NeckLine pronti a romperla...il DowJones Transportation , che stava scendendo , inesorabilmente dai max 2014, ma inanella un rialzo su base settimanale dai minimi di Febb.2016 di 9 SETTIMANE consecutive positive (Anni che non si vedeva) e il DOWJONES TRANS. è rinomato come essere una "cartina torna sole" molto più veritiera del ciclo economico, quindi se come nel 2014 anticipò una sosta rispetto agli altri indici, sarà mica che stia anticipando una ripartenza ?!?....e non per ultimo , siamo a contatto per la terza volta sull' S&P 500 con la parte alta del canale discendente iniziato a metà dello scorso Anno....e se fosse questo trend in atto dal 2015 una semplice "flag" rialzista (ovvero segnale di continuazione di trend) del LUNGO TREND RIALZISTA iniziato nel 2009 ?!?...le ipotesi sono diverse e le sarei molto grato potesse darmi un suo giudizio. Grazie mille. Dani

    RispondiElimina
  6. Buongiorno
    Il mercato americano ha reagito con forza sul livello fondamentale di 1820 mantenendo intatto il suo trend rialzista e non ha al momento motivo di romperlo al ribasso.
    Per quanto riguarda il mercato italiano e quindi gli europei lo scenario che ipotizza è esattamente quello che descrivo da tempo in base al quale ci troviamo in una fase correttiva di un trend rialzista di lungo termine in cui il 2016 può essere un anno di grandi opportunità.
    Nonostante questo penso che la correzione potrà essere ancora articolata è avrà bisogno di qualche tempo per concludersi.
    Tale scenario vale ovviamente salvo rottura dei livelli chiave indicati negli articoli.
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della risposta Fabio, sempre cortese. dei mercati italiani/Europei "ipotizzavo" poco se non sul DAX ?!?...Più che altro mi chiedo....ma se il ribasso avrà ancora tempo per concludersi sul Nostrano, che cosa prevede , con le dovute molle su wall street ?....mi spiego se dobbiamo riscendere poco o tanto che sia, ma non dovrebbe scendere anche l' America? Grazie . Dani

      Elimina
  7. I mercati si muovono in base ad un'onda globale ma quello che cambia è la forza/debolezza relativa.
    A giorni pubblichero' l'analisi mensile.
    FS

    RispondiElimina
  8. Buona sera gentile Fabio, vorrei un chiarimento in merito al setup sullo S&P500. Può ormai dirsi attivato di massimo o nel caso di un ribasso fino al 04 APRILE (come francamente mi aspetto) il setup si attiverebbe di minimo? Grazie mille Angelo.

    RispondiElimina
  9. Il periodo di setup tra 17/3 e 4/4 si è attivato di max e non potrà attivarsi anche di minimo.
    Saluti

    RispondiElimina
  10. Il periodo di setup tra 17/3 e 4/4 si è attivato di max e non potrà attivarsi anche di minimo.
    Saluti

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.